Separazione

Di cosa mi occupo

L’amore – si sa – non è per tutti eterno: può durare anni, anche soltanto mesi, ma quando finisce è importante che la coppia rifletta se valga la pena, come in una nota canzone di Vasco Rossi, “vivere nello stesso letto”.

La separazione non è il fallimento di un matrimonio, ma il rimedio – seppur doloroso – ad uno sbaglio. Essa non pone definitivamente fine all’unione coniugale, la lascia in “stand by” fino allo scioglimento definitivo che avverrà soltanto con il divorzio.

Sia quando i coniugi decidono di separarsi, che di divorziare, possono accordarsi su ogni questione relativa al matrimonio quali: l’assegnazione della casa familiare, il diritto di visita ed il mantenimento dei figli, le questioni patrimoniali ed il mantenimento del coniuge economicamente debole. In mancanza di accordo, sarà il giudice a pronunciarsi sulle suddette questioni.

Le condizioni assunte nella separazione, come anche nel divorzio, sono modificabili in qualsiasi momento qualora sopraggiungano delle circostanze nuove, personali o economiche, che rendano necessaria una loro revisione. Se, però, senza una ragione, uno dei coniugi non mantiene gli impegni presi, l’altro può sempre ricorrere al giudice per farli rispettare.

Anche per le coppie non sposate esiste un procedimento, simile alla separazione, con il quale formalizzare degli accordi nell’esclusivo interesse dei figli.

Hai bisogno di una consulenza?
Dal vivo, oppure online.

Ovunque tu sia non ha importanza, ti aiuto io!